Esercizio 24/5

L’allieva  riferisce quanto segue:

relax e benessere- “pesantezza” che scioglie tutte le tensioni, che mette uno stop, un freno alle corse della giornata. il respiro fa tutto. il respiro è la mia calma. e lo ascolto. quell’aria che entra nel naso mi dona, ad ogni singolo respiro, calma e distensione. il mio cuore è li che pulsa frenetico ma ascolto il respiro e lui batte, batte forte; ma nel momento in cui sposto la mia attenzione su di lui, fa il timido e “scompare”; ma il suo impeto si irradia in tutto il mio addome, fino su, a pulsare nei denti – e rimbomba forte e mi dico: “…ma il mio plesso..? la mia “ME”??” ed eccola li che stringe con la sua morsa lo stomaco e il cuore torna a battere prepotentemente al suo posto. – sorrido, perchè sembra di giocare gioiosamente a nascondino e capisci che il respiro fa molto, se non tutto.

ESERCIZI DEL 17/05 L’ALLIEVA HA RIPORTATO QUANTO SEGUE!

relax, piacevole pesantezza di tutto il mio corpo che si rilassa, si distende, soprattutto le braccia che percepisco come un mattone caldo, un piacevole pesante mattone caldo- nonostante percepisca i miei battiti sostenuti, pulsanti e incalzanti come il ritmo della giornata trascorsa, il mio respiro è rallentato, lungo e profondo e contribuisce a darmi quella sensazione di distensione corporea di cui ho bisogno. vado alla ricerca del mio plesso, curiosa, come fosse un incontro con una persona estranea: tarda a farsi sentire ma piano piano eccolo quel tepore amico che mi fa star bene. ed è qui con me, anche ora  che scrivo dopo diversi minuti: quel calore nella pancia che percepisco concentrico come fosse una palla li dentro. – tocco ma la palla non c’è. c’è il suo calore che si irradia internamente.- mi fa piacevolmente sorridere- quella “ME” dentro me anche oggi c’è, anche oggi mi è amica. mi viene d’istinto di coccolare il mio addome come fanno le donne in gravidanza con le loro pance: il plesso mi ringrazia donandomi ulteriore e profondo calore. Grazie plesso. ( è forse l’esercizio che mi appaga di più! è normale??)

esercizio pesantezza/calore/respiro/plesso solare  16/5 – (questo e quanto Riportato dall’allieva)

stato di benessere e pieno relax non appena inizio con la respirazione- sento il mio corpo abbandonato piacevolmente a se stesso, che si libera dal peso dei problemi, dei fastidi che quotidianamente mi appesantiscono. -il calore contribuisce al mio stato di benessere fisico donandomi la giusta temperatura x far si che il mio corpo ” non soffra”. – mi sento bene – così anche il respiro mi aiuta a placare la mia irrequietezza – faccio fatica a focalizzare le singole parti del corpo e porre su di esse la mia massima attenzione – c’è sempre qualche pensiero che passa e “disturba”- Nell’esercizio di oggi è stato inserito quello del plesso solare. – ho avuto la sensazione che scaldasse di più il plesso solare che il calore. – sentivo all’interno della zona del plesso, un calore intenso e continuo che si è protratto x diverso tempo anche dopo la fine dell’esercizio.

ho aspettato forse + di 10/15 minuti prima che il calore intenso sparisse dalla mia pancia ma, anche ora che scrivo a distanza di quasi 1 ora dall’esercizio, sento ancora che la zona del plesso internamente è calda. come se fosse uno scaldino a temperatura costante.- è una sensazione strana, piacevole, che mi fa compagnia. mi fa quasi sorridere perché sembra che ci sia una “me” dentro di me viva e che “mi parla” col suo calore. sensazione stranissima ma piacevole.