L’allieva  riporta quanto segue,

 

ero sul divano… col gatto che “faceva la pasta” (come sempre) sul mio addome… ho iniziato a fare l’esercizio di t.a. respirando… respirando… e nonostante i miei respiri erano smezzati dal pressare delle zampe del mio gatto, il tutto mi donava pace e relax… non sentivo il fresco post temporale che entrava dalla finestra e mi rinfrescava i piedi… no, ero come in una bolla protetta… il mio corpo stava bene… ero calda nonostante il freschino, ero rilassata x respiro, ero pesantemente rilassata in tutto il corpo… il cuore silenzioso… restavo cosi immobile… col gatto che zampettava sulla mia pancia e con le sue fusa da contorno… io ero persa in quel vuoto benefico e rilassante… cercavo di percepire il mio intestino ad ogni ad ogni pressione di zampa… sono rimasta cosi x diversi minuti… con il mio amico respiro, il mio vuoto appagante e il massaggio gratuito felino … sarà stato anche un modo alternativo di t.a. ma mi sentivo bene……

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: